I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di piĆ¹...

Accetto

Mostre e concorsi

StreeTSart Festival_work in progress

La Giunta Comunale con la det. n. 192 dd. 28 maggio 2020 ha dato il via libera ai primi quattro bozzetti che verranno realizzati durante lo StreeTSart Festival il prossimo autunno. Il programma del festival sarà molto articolato, ingloberà altre opere ora in fase di studio, approfondirà temi realtivi alla creatività urbana quale strumento di riqualificazione del territorio e, oltre al lavoro artistico svolto nelle diverse location, presenterà mostre ed incontri con artisti ed esperti del settore che faranno da contorno ad un'iniziativa che confidiamo poter svolgere il più possibile in presenza.

I primi tre progetti che illustriamo completano le superfici ancora libere dei muri perimetrali dello Stadio Pino Grezar da via Flavia a Via Valmaura. In pochi anni Chromopolis ha contribuito a cambiare il volto di questa zona arricchendola di contenuti artistici che la porterà ad essere il primo museo en plein air di Trieste dedicato alla streetart. Le opere hanno un comune denominatore e sviluppano alcuni temi ispirati alla città di Trieste a volte in modo didascalico, altre con segni astratti, altre ancora con riferimenti alla cronaca e alla letteratura...

Il quarto bozzetto riguarda invece un impianto sportivo, la Palestra Azzurri d'Italia, dove un affermato artista catanese trasformerà le superfici, ora parzialmente imbrattate, in una sorta di enciclopedia delle specie animali e vegetali endemiche.


CADMIO > FABRIZIO DI LUCA > Stadio Pino Grezar, via Flavia
ZENO E LA SUA COSCIENZA
L’associazione Cadmio ha interpretato il tema di Trieste elaborando la figura e le opere di Italo Svevo. Con questo progetto si è scelto di proseguire l'esplorazione della Trieste "letteraria" iniziata con la realizzazione degli interventi dedicati a James Joyce già presenti sul posto.
Svevo (e quindi Trieste) non sarà rappresentato attraverso un ritratto, ma con la raffigurazione de “La coscienza di Zeno”. L’interpretazione artistica dell’opera letteraria non si sofferma su un evento specifico, ma mette in evidenza gli elementi più importanti ed innovativi del testo. L’intervento artistico è composto da una grande figura umana mentre compie l’atto di scrivere su se stessa; la figura è composta da tanti strati di carta strappati che rappresentano alcune pagine della "Coscienza". Questa scelta, condivisa anche con il curatore del Museo Sveviano del Comune di Trieste, Riccardo Cepach, focalizza l'attenzione su un romanzo che è stato scritto in forma di diario terapeutico, narrato in prima persona e svincolato da ogni ordine temporale.
La tecnica di narrazione usata da Svevo ricorda il flusso di coscienza di Joyce ed il monologo interiore. Per descrivere questa esplorazione dell’inconscio si è voluto raffigurare il vero IO del protagonista che ci appare al di là delle pagine del diario riordinate. La sagoma ha un corpo solcato da un gigantesco labirinto che rappresenta i percorsi della mente interrotti da riferimenti precisi quali la dipendenza dal fumo, gli amori desiderati o realizzatisi, o ancora, lo schiaffo datogli dal padre.

Le "vicende" del manufatto su cui verrà realizzato l'intervento artistico sono state ricostruite anche grazie a degli incontri con l'ing. Fabris del Comune di Trieste. Si tratta di un' "incompiuta", ovvero, di una struttura che completava un progetto più complesso che non è stato realizzato. Ora, potrebbe ritrovare una nuova destinazione d'uso grazie all'apporto de La Scuola Edile di Trieste EDILMASTER, partner storico e fondamentale del progetto Chromopolis e alla collaborazione di due assessorati. Due classi, coordinate dai docenti Marco Svara e Lorenzo Medici, si sono impegnate ad elaborare dei progetti, nati anche da interviste sul campo rivolte ai residenti e ai passanti, che verranno presentati in occasione del festival.

MACROSS > MATTEO ROTA > Stadio Pino Grezar, Via Valmaura

CAPO IN B

Matteo Rota è uno studente de La Scuola Edile di Trieste Edilmaster. Si è distinto durante il suo periodo di tirocinio affiancando Jan Sedmak nella realizzazione del murales dedicato a Ernesto Nathan Rogers a Borgo San Sergio. Ora, Mattia Campo Dall'Orto, artista e docente presso la scuola, ha scelto di supportarlo con un'autentica operazione di "scouting" per dargli l'opportunità di crescere professionalmente.

Il progetto elaborato dal giovane artista Matteo Rota s’ispira ad alcuni elementi caratteristici della città di Trieste. L’opera rappresenta un uomo in abito elegante. Nella mano destra tiene il classico capo in b triestino. Dal caffè si sprigiona il suo profumo in forma di linea che avvolge l’uomo e intrappola il gabbiano appoggiato sulla spalla. Nella mano sinistra l’uomo tiene uno specchio che prende posto del viso raffigurando la città in maniera essenziale, con il mare, il verde mentre il grigio delle strade forma i “baffi”. In cielo invece una nuvola porta con sé un soffio di bora.

EDILMASTER > tutor ELISA VLADILO > Stadio Pino Grezar, via Flavia

UNTITLED

Dopo un percorso di co-progettazione realizzato con gli studenti del terzo anno del percorso per Operatore Edile - Addetto alle lavorazioni di cantiere edile coordinato dall'artista e docente Elisa Vladilo, sono state elaborate diverse proposte progettuali.

Quella scelta per lo StreeTSart Festival chiude la serie di interventi artistici sulla via Flavia ed è una decorazione pittorica che riprende i colori del lavoro SeetheSea realizzato durante la residenza artistica Artefatto, le forme circolari del murale dedicato al basket e, infine, la campitura a righe suggerita dalla presenza delle porte di ferro presenti sul posto.
Un intevento site specific che si differenzia da tutti quelli presenti e che gioca sul ruolo dei colori e delle forme per valorizzare il manufatto su cui verrà realizzato. Come si può vedere dal bozzetto, la costruzione è stata suddivisa in tanti elementi che si armonizzano dando vita ad una sorta di "ritmo" visivo.

CASA DELL'ARTE > EMANUELE POKI > Palestra Atleti d'Italia, via Calvola

SYSTEMA NATURAE

Il catanese Emanuele Poki arriva al progetto Chromopolis in quanto artista selezionato dalla commissione del bando Artefatto. E' stato scelto da Casa dell'Arte Trieste e dal curatore Massimo Premuda per un aspetto fondamentale: l'interesse ad elaborare progetti che mettano in relazionei la superficie su cui l'artista lavorerà e l'ambiente naturale . Si rinuncia al richiamo didascalico della funzionedell'edificio ma lo si considera parte di un sistema complesso. La città, con le sue costruzioni, ha occupato molti spazi verdi, ma la natura emerge, per esempio dalle crepe dell'asfalto o nei piccoli appezzamenti di verde che costeggiano una strada. Altri elementi invece non si fanno vedere: sono i numerosi animali di cui ignoriamo la presenza In città. Poki mette una lente di ingrandimento e ce li fa scoprire realizzando delle decorazioni che, come in un libro illustrato, descrivono la flora e la fauna endemica.

Per farlo l'artista ha incontrato il conservatore del Museo di Storia Naturale del Comune di Trieste, Nicola Bressi ed è stata davvero una sorpresa che durante il lockdown una volpe, Canis Aureus si sia spinta in città proprio in prossimità dell'edificio su cui Poki lavorerà.

Le superfici saranno realizzate con pitture ad acqua e ingloberanno anche le naturali essenze presenti, come i muschi e i rampicanti ... l'opera sarà di grandissimo richiamo per gli appassionati di arte urbana e non solo...

Gallery associata:

festival quadrato

Informativa privacy

	
chiudi